App per Hotel: c’è chi dice che non servono a niente

28 aprile 2015

Chi ti dice “non ne hai bisogno” dimostra di non conoscere cosa può fare per il tuo hotel una buona App mobile.

App per Hotel

Da mesi sento l’urgenza di controbattere agli “opinionisti” che leggo online mentre si dilettano a sbandierare l’inutilità delle App per Hotel.

Poi, ogni tanto, si scopre che questi “opinionisti” non sono veri addetti al settore, che è gente rimasta a soppesare potenzialità e orizzonti del Nokia 3310… per carità, questa prendila come opinione.

Ma andiamo per gradi…

Cosa può fare una buona App per Hotel

Vediamo se serve o no…

L’App è un prodotto che nasce per lavorare sul cliente già acquisito, andando a curare 2 aspetti:

Utilità per il cliente

Il cliente dell’albergo può godere dell’App per:

  • Trovare l’hotel o la propria automobile con 1 tocco
  • Trovare qualsiasi informazione su hotel e servizi
  • Avere informazioni sui prossimi eventi della zona
  • Avere informazioni sui principali luoghi d’interesse della zona
  • Ma anche contatti, numeri utili, booking, offerte, mappa interattiva

Eppure c’è chi dice che coccolare il cliente non serve a niente… Può darsi, ne prendo atto e andiamo avanti col 2° aspetto:

Comunicazione DIRETTA col cliente

Una buona App non è concepita unicamente come servizio al cliente: la buona App deve aprire un nuovo, proficuo canale di comunicazione diretta albergatore-cliente.

L’albergatore può comunicare qualsiasi cosa ai suoi clienti, tramite notifiche push: pacchetti, offerte speciali, convenzioni (…).

Questo nuovo canale di comunicazione è usato per fidelizzare i vecchi clienti, facendo gli auguri nelle festività e proponendo offerte mirate ed esclusive per le loro prossime vacanze… ma è anche usato per fare up-selling con i clienti che stanno soggiornando in hotel, inviando notifiche di eventi organizzati dall’albergo, offerte speciali, convenzioni.

…ma c’è chi continua a dire che l’App non serva a niente.

Come fai a dire che l’APP non serve?!

Non dire che l'app non serve

Ti chiederai con chi me la prendo, chi può scrivere che le App sono futili agli hotel.

Non uno, non due: nell’ultima annata mi sono imbattuto in diversi articoli che traggono conclusioni del genere sul mondo delle App. Un esempio: vedi articolo.

Ribadisco un piccolo dettaglio: l’App non serve a chi cerca un hotel. L’App nasce per il cliente già acquisito, andando ad offrire utilità per il cliente stesso e agevolando fidelizzazione e up-selling grazie all’apertura di un nuovo canale di comunicazione diretta albergo-cliente.

Ora, parliamoci chiaro: o mi si dice che lavorare sul cliente acquisito non serve a niente, o mi si dice che il concetto “l’app non serve / non ne hai bisogno” è fuori luogo. O l’una, o l’altra.

Esistono App Hotel progettate con criterio e App Hotel realmente inutili, che sono solo una versione mobile del sito non accessibile da Google, che non offrono valore al cliente, che non aprono un vero canale di comunicazione diretta… ma questa è un’altra storia.

Alcune, molte App Hotel sono inutili fregature? Certo che sì!
Tutte le App Hotel sono giocattolini inutili e costosi? NO!, manco per scherzo. Perlomeno è questo ciò che mi suggerisce l’esperienza maturata sul campo.

Cosa ne pensi?
Utilizzi già un’App per il tuo albergo? E come ti trovi, cosa ti consente di fare la tua App?
Forse ti sei già pentito dell’acquisto?
Insomma, dicci un po': serve o non serve a niente? :-)

Potrebbe interessarti

Pin It on Pinterest